STAGIONE 2022-23
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
8 settembre, ore 18.30
Aperitivo_VIAGGIO ATTRAVERSO LE SEI CORDE
viaggio attraverso le sei corde con luca meneghello incontro con uno dei...
15 settembre, ore 18.30
Aperitivo_BACH TO THE FUTURE.
bach to the future. il violoncello incontra l’elettronica fausto solci...
17 settembre, ore 17.30
GIRLESQUE STREETBAND
girlesque streetband prima ed unica street band italiana tutta al femminile
 
STAGIONE 2022-23
Musica
 
EVENTO
CONCERTO RETTORE - Data zero nuovo tour
quando:  rinviato al 4 marzo 2022
alle ore: ore 21.00
dove: Teatro San Domenico
APPUNTI

Dopo la partecipazione al 72° Festival di Sanremo con la canzone “Chimica” in coppia con Ditonellapiaga, torna finalmente dal vivo Mis Rettore presentando la nuova hit ed i suoi più grandi successi.

ALTRI APPUNTAMENTI

RETTORE nasce a Castelfranco Veneto (TV) l’8 luglio del 1955. I registri dell’ospedale indicano l’ora delle 13.30: è nata quindi sotto il segno del Cancro con ascendente Bilancia, grazie all’impegno di mamma Teresita Pisani (attrice di prosa) e del papà Sergio Rettore (commerciante). La scelta del nome “Donatella (DONO)” deriva dal fatto che è l’unica figlia nata in ottima salute, infatti i primi tre figli maschi della coppia Teresa Pisani (attrice di prosa) e Sergio Rettore (commerciante), purtroppo, hanno avuto solo pochi giorni di vita.

Rettore inizia a cantare all’età di 3 anni al mitico Caffè Florian (p.zza S. Marco di Venezia) dove si improvvisa già esperta artista. A 10 anni ha già il suo primo complessino I Cobra con il quale si esibisce nelle parrocchie cantando le canzoni della Caselli e guadagnando 500 lire a serata.

Ragazzina ribelle ed insofferente alla disciplina, sempre osteggiata dalla madre (attrice goldoniana) che rifiutava la sua passione per le canzonette, Rettore finisce in collegio ad Asolo dalle suore Dorotee per due anni e poi a frequentare la scuola a Treviso. Dopo essersi diplomata al liceo linguistico come interprete parlamentare (con 60/60 e lode e tanto di foto sul Gazzettino di Venezia), chiude la sua carriera scolastica e decide di trasferirsi a Roma e rischiare il tutto per tutto e inseguire il suo sogno più grande: la carriera di cantante.

La sua lunga e faticosa gavetta inizia durante gli ultimi anni del liceo: va in tournée insieme alla “Nuova Compagnia di Canto Popolare”, gruppo musicale napoletano formato da musicisti quali Eugenio Bennato, Carlo D’Angiò e Roberto De Simone. Nel ’73, giovanissima, è la spalla del tour estivo di Lucio Dalla, impareggiabile maestro di Donatella, che le insegna a cantare sul serio. Sempre nel ’73 incide la sua prima canzone “Anche se non lo sai”.

A Roma, senza una lira in tasca ma con tanta voglia di sfondare, inizia a frequentare i concerti pop e conosce quello che diventerà l’uomo della sua vita: Claudio Rego, che allora suonava con il gruppo sperimentale L’era dell’acquario. Si incontrano a Taranto per la prima volta ad un festival pop e decidono di incontrarsi a Roma nuovamente. Lui compone musiche e lei scrive testi e così per gioco dal loro primo incontro nasce il brano “Una bambina”: la loro prima canzone. Nel 1974 Rettore pubblica i suoi primi 45 giri promozionali, “Quando tu…” e  “Ti ho preso con me” e inizia a inviare i suoi dischi agli addetti ai lavori.

Dopo questi piccoli passi, il suo maestro di canto convince Gianni Ravera a fare debuttare questa diciottenne bruna e grassoccia, nonché sconosciuta cantante, al Festival di Sanremo. Fu questo il suo primo Festival con la canzone “Capelli Sciolti” ma, purtroppo, passa del tutto inosservata.

Nasce il primo fan club, dove i fans impazziscono alla ricerca dei pezzi rari: l’album stampato su vinile rosso e arancio, il 45 giri stampato su vinile blu e il cartonato che riproduceva l’immagine di Rettore a grandezza naturale rubato dai fans da tutti i negozi di dischi. Dopo il successo con la sua canzone estiva, i critici pensano che il fenomeno Rettore sia già finito. Ed invece Rettore si chiude in studio e prepara il suo nuovo album “Magnifico Delirio”, con suoni rock intensi e ad effetto, ironico e spensierato. Il nuovo look, ossia l’abbigliamento con il quale Rettore si presenta nuovamente al pubblico estivo, è optical a scacchi bianchi e neri e i capelli sono colorati di giallo e di rosso.

Il 45 giri scelto per il lancio dell’album è “Kobra” che crea un caso di opinione per l’ironia e la sfrontatezza con la quale Rettore parla di sesso. La canzone ottiene un successo oltre ogni aspettativa: sia il 45 che il 33 giri arrivano ai primissimi posti nelle classifiche di vendite, vince “Vota la Voce” come artista femminile dell’anno, il suo tour riempie gli stadi di tutta Italia. Pippo Baudo, che già con Splendido Splendente si era innamorato del personaggio Rettore, sceglie il brano “Benvenuto” come sigla di “Domenica In”. Viene realizzato anche uno splendido video-clip con Rettore immersa in palline di polistirolo ma… la censura colpisce duro e la sigla non verrà mai trasmessa, tra le proteste dei fan.

Per la prima volta, inoltre, gli artisti italiani si riuniscono per un disco i cui ricavati vanno alla ricerca contro il cancro: Rettore interpreta “Tu musica divina” nella compilation “Grand’Amore”.

Il 1990 è un anno di riflessione professionale e anche di un nuovo tour che la impegna da maggio a settembre. Durante le serate, con un nuovo strepitosissimo look, Rettore regala al pubblico due chicche inedite: “Fax” e “Diavoleria”, che saranno i brani portanti del nuovo album. L’album “Diavoleria” è pronto per essere pubblicato ma… Rettore dichiara di non esserne pienamente soddisfatta ed acquista dalla produzione il master del disco per evitarne la messa in commercio! L’album, già pronto e composto da ben undici brani, non esce, nascondendo per sempre (o quasi…) i pezzi “Perdermi”, “Testa calda”, “Asino chi legge”, “La voglia” (scritta da Eugenio Finardi) e “Se noi due restiamo amici”.

Alla fine dello stesso anno Rettore aderisce insieme ad altri grandi della musica mondiale (Gino Vannelli, Dee Dee Bridgewater, Pooh ecc.) al progetto “Love is the answer”, un CD venduto per raccogliere i fondi per la lotta contro l’Aids e promosso dalla associazione Anlaids. La clamorosa sorpresa di quest’anno arriva dal teatro: a chiamarla è Silvano Spada, organizzatore del Todi Festival.

Donatella ci pensa un po’, poi non sa resistere e accetta. Così nel settembre del 1991 al Teatro Jacopone di Todi va in scena la prima di “Omicidio a mezzanotte” di Ron e Joni Pacie, tradotto e adattato da Enrico Maria Lamanna. Rettore ricopre il ruolo di una cantante assassinata misteriosamente e interpreta due brani di Cole Porter in maniera ineccepibile, superando brillantemente la prova di attrice e cogliendo positivi consensi da parte della critica. Come sempre in tournée Rettore esprime tutta la sua grinta in una serie di concerti tra i più belli ed energici della sua carriera.
 

Il film “Strepitosamente flop”, scritto e diretto da Pierfrancesco Campanella, vede tra i principali interpreti Rettore, dove veste i panni di una bizzarra funzionaria televisiva spietatissima nella professione quanto fragile nel privato, rivelando spiccata simpatia e grande autoironia.

 

Nessun pezzo nuovo, ma di Rettore vengono stampate e ristampate le raccolte dei grandi successi ed il Concerto live. L’unica nuova produzione è legata alla partecipazione di Rettore nel disco degli Statuto che, celebrando lo ska degli anni ’80, la invitano a cantare la cover dei Selecters On my radio che in italiano diventa “La mia Radio”. Inoltre, Rettore decide di festeggiare i suoi 20 anni di carriera con una chicca per collezionisti: un remix di Splendido “Splendente versione 2000” distribuito solo su vinile per le discoteche di tutta l’Italia.

I fan della musica di Rettore sono cresciuti e dopo vent’anni hanno cominciato a fare musica: da Marina Rei a Carmen Consoli, dagli Statuto ai Prozac+ e ai Bluvertigo, il nuovo pop italiano trova nelle note anticipatorie di Rettore le radici della propria musica.

Scatta quindi l’anno della celebrazione, il 2001: tanti artisti scelgono di renderle omaggio reinterpretando nel loro stile alcuni tra i brani più rilevanti della sua carriera, clonando Rettore in una moltitudine di suoni che passano dal puro stile rock a quelli delle ultime avanguardie tecnologiche. È l’anno di Clonazioni – Tutti pazzi per Rettore, dove Rettore assiste orgogliosa allo spettacolo dei giovani artisti che la reinterpretano con singolare musicalità. (foto clonazioni)

La vita di Rettore è da sempre arricchita da una presenza fondamentale: quella dei cani e degli animali ai quali Dona dedica tutto il tempo libero che ha a disposizione, diventando anche campionessa di agility

 



ALTRE INFORMAZIONI

Biglietti:

€ 35,00 + 2,00 prev – poltronissima e poltrona

€ 30,00 + 2,00 prev – laterali e terzo settore

 

FOTOGALLERY
CONCERTO RETTORE