STAGIONE 2022-23
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
20 dicembre, ore 21.00
Il mercante di Venezia
siamo a venezia nel xvi secolo in una società dove il denaro muove il...
22 gennaio, ore 18.00
La giovinezza è sopravvalutata
“tutto è iniziato il giorno in cui ho accompagnato mia madre...
18 febbraio, ore 21.00
Lisistrata di Aristofane
lisistrata imperversa da quasi 2500 anni sulla stupidità,...
 
STAGIONE 2022-23
Prosa
 
EVENTO
Il mercante di Venezia
quando:  20 dicembre, ore 21.00
alle ore: ore 21.00
dove: Teatro San Domenico
APPUNTI

di William Shakespeare
traduzione Masolino D'Amico
con Franco Branciaroli Piergiorgio Fasolo Francesco Migliaccio
e (in 0.a.)
Emanuele Fortunati,
Stefano Scandaletti
Lorenzo Guadalupi,
Giulio Cancellli, Valentina
Violo, Dalila Reas, Mauro
Malinverno, Mersila Sokoli
regia e adattamento
Paolo Valerio
scene Marta Crisolini
Malatesta
costumi Stefano Nicolao
luci Gigi Saccomandi
musiche Antonio Di Pofi
movimenti di scena
Monica Codena
si ringrazia per la collaborazione Laura Pelaschiar dell'Università degli Studi di Trieste
produzione
Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia Centro Teatrale Bresciano Teatro de Gli Incamminat

Siamo a Venezia nel XVI secolo in una società dove il denaro muove il destino degli uomini, dove prestiti e investimenti azzardati hanno conseguenze imprevedibili.
Con i suoi potenti temi universali Il mercante di Venezia di William Shakespeare pone al pubblico contemporaneo questioni di assoluta necessità: scontri etici, rapporti sociali e interreligiosi mai pacificati, l’amore, l’odio, il valore dell’amicizia e della lealtà,
l’avidità e il ruolo del denaro.
«È un testo affascinante e infinito con una complessa architettura drammaturgica, basata su simmetrie e specularità dense di senso» commenta il regista Paolo Valerio. «Con il nodo della vendetta - tema ancestrale e purtroppo in questo
momento storico così contemporaneo - tutti i personaggi hanno un rapporto forte. Branciaroli nel ruolo di Shylock offre una prova magistrale, è figura sfaccettata, misteriosa, crudele nella sua sete di vendetta, che spiazza gli spettatori, risvegliandone una
corrispondenza emotiva che mira a equilibrare malinconia ed arroganza.