STAGIONE 2022-23
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
27 novembre, ore 18.00
Una ragazza come io
ancora una volta la straordinaria chiara francini si cimenta con una nuova...
4 dicembre, ore 18.00
La cena dei cretini
ogni mercoledì sera, un gruppo di amici della parigi bene, stanchi e...
20 dicembre, ore 21.00
Il mercante di Venezia
siamo a venezia nel xvi secolo in una società dove il denaro muove il...
 
STAGIONE 2022-23
Prosa
 
EVENTO
La giovinezza è sopravvalutata
quando:  22 gennaio, ore 18.00
alle ore: ore 18.00
dove: Teatro San Domenico
APPUNTI

Con Paolo Hendel
scritto da Paolo Hendel e Marco Vicari
regia Gioele Dix
scene Francesca Guarnone
musiche Savino Cesario

“Tutto è iniziato il giorno in cui ho accompagnato mia madre novantenne dalla nuova geriatra. In sala d’attesa la mamma si fa portare in bagno dalla badante. Un attimo dopo la geriatra apre la porta del suo studio, mi vede e mi fa:
‘Prego, sta a lei...’.”
Grazie a quell’incontro Paolo Hendel si rende conto che si sta “pericolosamente” avvicinando alla stagione della terza età e che è venuto il momento di fare i conti con quella che Giacomo Leopardi definisce “la detestata soglia di vecchiezza”. Lo fa a suo modo, in una sorta di confessione autoironica sugli anni che passano, con tutto ciò che questo comporta: ansie, ipocondria, visite dall’urologo, la moda dei ritocchini estetici e le inevitabili riflessioni, sia di ordine filosofico che pratico, sulla “dipartita”.
Le paure, le debolezze, gli errori di gioventù sommati agli “errori di maturità” sono una continua occasione di gioco nel quale è impossibile non rispecchiarsi, ciascuno con la propria vita, la propria esperienza e la propria sensibilità, in una risata liberatoria.
Avvalendosi della preziosa e irrinunciabile complicità del coautore Marco Vicari e del regista Gioele Dix, Hendel si racconta con una sincerità disarmante e attraverso una esilarante carrellata di commenti di “utenti indignati” sul web racconta l’Italia di oggi.
E se la giovinezza è in qualche modo sopravvalutata, non vuole essere frainteso e precisa: “Sono comunque contento di essere stato giovane, mi sono trovato bene, mi è piaciuto e se mi dovesse ricapitare lo rifarei anche volentieri...”