STAGIONE 2022-23
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
18 febbraio, ore 21.00
Lisistrata di Aristofane
lisistrata imperversa da quasi 2500 anni sulla stupidità,...
19 marzo, ore 18.00
Stretching emotivo
flavio pirini, folco orselli, germano lanzoni, rafael andres didoni, walter...
26 marzo, ore 18.00
Manola
due sorelle gemelle in contrasto tra loro, come due pianeti opposti nello...
 
STAGIONE 2022-23
Prosa
 
EVENTO
Manola
quando:  26 marzo, ore 18.00
alle ore: ore 18.00
dove: Teatro San Domenico
APPUNTI

Di Margaret Mazzantini con Nancy Brilli e Chiara Noschese
regia Leo Muscato

scene Federica Parolini
costumi Lisa Rufini
disegno luci Alessandro Verazzi
assistente alla regia Alessandra De Angelis
assistente scene e costumi Eleonora De Leo

Due sorelle gemelle in contrasto tra loro, come due pianeti opposti nello stesso emisfero emotivo. Anemone, sensuale e irriverente, che aderisce ad ogni dettaglio della vita con vigoroso entusiasmo, e il suo opposto Ortensia, uccello
notturno, irsuta e rabbiosa creatura in cerca di una perenne rivincita. Le due per un gioco scenico si rivolgono alla stessa terapeuta dell’occulto e svuotano il serbatoio di un amore solido come l’odio.
Ed è come carburante che si incendia provocando fiamme teatrali ustionanti, sotto una grandinata di risate. In realtà la Manola del titolo, perennemente invocata dalle due sorelle, interlocutore mitico e invisibile, non è altro che la quarta parete teatrale sfondata dal fiume di parole che Anemone e Ortensia rivolgono alla loro squinternata coscienza attraverso un girotondo di specchi, evocazioni, malintesi, rivalse canzonatorie.
Una maratona impudica e commovente, che svela l’intimità femminile in tutte le sue scaglie.
Come serpenti storditi le due finiranno per fare la muta e infilarsi nella pelle dell’altra, sbagliando per l’ennesima volta tutto. Perché un equivoco perenne le insegue nell’inadeguatezza dei loro ruoli esistenziali. Un testo sfrenato che prevede due interpreti formidabili per una prova circense senza rete. Ma che invoca l’umano in ogni sua singola cellula teatrale.