STAGIONE 2017-18
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
Nessun altro appuntamento trovato!
 
STAGIONE 2016-17
Appuntamenti al S.Domenico
 
EVENTO
BOTTESINI il giro del mondo in contrabbasso
quando:  30 ottobre, ore 18.00
alle ore: ore 18.00
dove: Sala Bottesini
APPUNTI

Il giro del mondo è un contrabbasso: Giovanni Bottesini
musicista e viaggiatore romantico
Musiche, immagini e narrazioni intorno a Bottesini
Un progetto di Davide Botto e Luca Scarlini

Con Davide Botto, contrabbasso; Elda Laro, pianoforte; Mariasole Mainini, soprano; Tomoka Osakabe, violino; Luca Scarlini, narratore Giovanni Bottesini (Crema, 1821 – Parma, 1889) ebbe la febbre del viaggio: ogni parte del mondo lo seduceva e fino dall'infanzia a Crema, in cui emerse prepotente la sua vocazione per la musica, immaginava sé stesso in altri lidi. Il contrabbasso fu lo strumento in cui riassunse la sua visione del mondo, il suo mestiere girovago; di quello fu il virtuoso
supremo nel suo tempo, tanto da essere definito il Paganini dello strumento. Il suo orecchio percepiva subito temi e melodie che rivisitava e faceva sue: da Bellini a Chopin, da Donizetti a Gounod, infinita era la tavolozza delle sue ispirazioni. La sua musica, come lui, ebbe a trovare cento nuove vesti, mille travestimenti, le sue melodie divennero viaggiatrici per loro conto e spesso subirono metamorfosi inimmaginabili anche al loro creatore. Allo stesso tempo Bottesini seppe far viaggiare e travestire le musiche di tanti altri compositori, come quando lo Studio n. 19 op. 25 per pianoforte di Chopin si trasformò nell'aria Tutto che il mondo serra o quando My beloved spake di Gounod divenne Une bouche aimée. Direttore di fiducia di Verdi al
Cairo per la complicatissima prima di Aida al Teatro Khediviale, tra ballerine piovute da Milano e dalle Langhe cuneesi, egittologi a caccia di compensi e ricchi ebrei in cerca di amanti. Bottesini concertista per lo Zar di tutte le Russie e per il Sultano di Costantinopoli, creatore di inni per paesi sudamericani e tenutario di uno strampalato harem in Egitto, ogni suo itinerario ha di per sé una dimensione romanzesca.

Tra immagini tratte da materiali d’archivio di rara o inedita visione, trascurati capolavori musicali e narrazione, lo spettacolo consegna il ritratto di un magistrale quanto strepitoso avventuriero della musica e del mondo in cui visse. La durata dello spettacolo è di circa un'ora e mezza, senza intervallo. Necessità tecniche: un proiettore per immagini con schermo e un microfono ad archetto. Qualora le attrezzature di sala non lo consentissero, lo spettacolo potrà anche essere rappresentato senza immagini. Il racconto può essere realizzato in italiano, inglese e francese.


PROGRAMMA MUSICALE
-Passioni amorose per violino, contrabbasso e pianoforte;
-Luigi Arditi, Il bacio;
-Quando cadran le foglie (lirica di Olindo Guerrini) per soprano e
pianoforte;
-Rêverie, per violino e pianoforte;
-Une bouche aimée (da My beloved spake di Gounod) per soprano, contrabbasso e pianoforte. Testo tratto dalla traduzione francese del Cantico dei Cantici di Re Salomone;
-Fryderyk Chopin, Studio n. 19 op. 25 per pianoforte;
-Tutto che il mondo serra (Bottesini dallo Studio n. 19 op. 25 di Chopin) per soprano, contrabbasso e pianoforte;
-Gran duo per violino, contrabbasso e pianoforte

Davide Botto è primo contrabbasso dell'Orchestra e della Filarmonica del Teatro Regio e docente presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino. A diciotto anni si è diplomato a pieni voti sotto la guida di Elio Veniali e si è perfezionato con Franco Petracchi, prima all'Accademia “Walter Stauffer” di Cremona e poi all'Accademia Chigiana di Siena, dove ha ottenuto il Diploma di merito. Nel frattempo si è laureato con lode in Lettere moderne presso l’Università di Torino. Ha vinto numerosi concorsi, tra cui quelli per primo contrabbasso presso la RAI di Roma, l'Arena di Verona e il Teatro Regio di Torino. Nel 1983 è stato l'unico contrabbassista italiano selezionato per l'Orchestra Giovanile della Comunità Europea (ECYO), con la quale ha effettuato numerose tournée internazionali sotto la guida di Claudio Abbado e di Leonard Bernstein. Come solista ha eseguito larga parte del repertorio di Bottesini. Nel 2009 gli è stato conferito il premio "Carlo Capriata". Ha registrato per Chandos il Divertimento concertante per contrabbasso e orchestra di Nino Rota con la Filarmonica del Teatro Regio di Torino, sotto la direzione di Gianandrea Noseda, ottenendo lusinghieri riconoscimenti dalla critica internazionale. Ha tenuto master class presso la sede dell'NHK di Tokyo, presso l’Università della Georgia di Athens, USA, e nel 2014, su invito di Thomas Martin, è stato docente ospite del Birmingham Conservatoire, UK. Ha di recente registrato un cd con inediti di Bottesini per l’etichetta inglese Chandos. Elda Laro, concertista, direttrice d’orchestra e maestro accompagnatore, è direttrice musicale del Theater im Pumpenhaus, Münster, direttore del Konzertchor e Vocal Coach presso la Musikhochschule della città tedesca. Elda ha iniziato il suo percorso musicale nella città natale, Scutari, in Albania, sotto la guida di Margarita Kristidhi, per poi proseguire la sua formazione presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino dove, sotto la guida di Remo Remoli, si è diplomata con lode e menzione speciale. Per la musica da camera si è perfezionata all'Accademia di Fiesole e alla Hochschule Mozarteum di Salisburgo. Nel 2007 ha infine conseguito il diploma di clavicembalo. La passione per l'opera e per le voci l'ha spinta a dedicarsi all'accompagnamento pianistico e quindi a frequentare l'Accademia del Teatro alla Scala. Come maestro accompagnatore ha lavorato presso il Teatro Regio Torino, il Teatro Massimo Bellini di Catania, il Tiroler Festspiele-Erl Festival, la Fondazione Arturo  Toscanini di Parma, il Ravenna Festival e il Festival d'Aix-en-Provence. Con alcuni musicisti del Teatro Regio di Torino ha recentemente registrato un cd di musiche di Bottesini. A partire dal gennaio 2016 ricoprirà il ruolo di Korrepetitor della Deutsche Oper di Berlino.
Mariasole Mainini, si è diplomata in clarinetto presso il Conservatorio “G.Verdi” di Como sotto la guida del M° Carlo Dell'Acqua nel 2010. A 19 anni intraprende lo studio del canto lirico con il soprano Margherita Guglielmi. È ammessa al corso pre-accademico di canto lirico presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino nell'anno 2010.
Ottiene nel 2014 la laurea di primo livello con il massimo dei voti sotto la guida del soprano Eva Mei. Nell'anno 2014 vince una borsa di studio dalla Associazione De Sono in collaborazione con la Compagnia San Paolo. Nell'anno 2015 vince una borsa di studio indetta dall'ambasciata Italiana a Mosca per un corso di perfezionamento presso il Conservatorio “P. I. Tchaikovsky” di Mosca. Attualmente è iscritta al biennio di canto lirico presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino e si perfeziona con il Tenore Giovanni Botta. Vincitrice del concorso "Felice Lattuada" nell'anno 2014, attualmente collabora con il Teatro Carlo Felice di Genova. Tomoka Osakabe, dopo aver studiato in Italia e in Giappone sotto la guida di Raimndo Matacena, Stefano Pagliani e Hiroshi Okuichi, si è laureata in violino all’Università musicale "Senzoku" di Tokyo con il massimo dei voti sotto la guida del Maestro Thuneo Iso, ottenendo inoltre la borsa di studio “Maeda”. Con l’Orchestra Senzoku Gakuen ha eseguito, come solista, il concerto di Alban Berg per violino e orchestra. In duo col pianoforte si è dedicata alla divulgazione della musica giapponese del ‘900. Di recente con la pianista Elda Laro e il contrabbassista Davide Botto ha eseguito concerti con musiche di Rossini e Bottesini. Vincitrice di concorso, è concertino dei secondi violini dell'Orchestra e della Filarmonica del teatro Regio di Torino.
Suona un violino del liutaio torinese Evasio Emilio Guerra. Per l’etichetta inglese Chandos ha registrato un cd con musiche di Bottesini che ha ottenuto la valutazione di 5 stelle dalla rivista Musica.
Luca Scarlini, scrittore, drammaturgo, storyteller. Scrive per la musica e per la danza: ha all’attivo una vasta attività come storyteller in solo e a fianco di musicisti, danzatori e attori, lavorando tra l’altro con musicisti come Martin Bauer, Sylvano Bussotti, Anna Toccafondi, Monica Benvenuti, Laura Catrani, Massimiliano Damerini, Francesca Della Monica, Francesco Dillon, Elio delle Storie Tese, Francesco Gesualdi, NicoNote, Emanuele Torquati. Tra i suoi libri recenti : Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), Sacre sfilate (Guanda), dedicato alla moda in Vaticano, Un paese in ginocchio (Guanda),  La sindrome di Michael Jackson (Bompiani), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Il Caravaggio rubato (Sellerio), Hitler contro Siviero (Skira), Memorie di un’opera d’arte (Skira). Ha creato racconti per musei, in Italia e all’estero, è docente presso lo IED (Firenze, Milano, Roma), Ca Foscari a Venezia la Scuola Holden di Torino, conduce il programma Museo Nazionale su Radio3.

ALTRE INFORMAZIONI

INGRESSO LIBERO