STAGIONE 2019-20
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
Giovedì 30 Gennaio 2020 - Ore 9,30
L’Albero della Memoria
un gitano giramondo che di mestiere semina ricordi e una ex staffetta...
Mercoledì 5 Febbraio 2020 - Ore 9,30
La Bella Addormentata nel Bosco
una strega, arrabbiata per non essere stata invitata alla festa per la nascita...
Giovedì 13 Febbraio 2020 - Ore 9,30
Leggende - Storie di capitani di ventura
a volte ci sono sere cosi limpide che tutto sembra essere in pace. sopra...
 
STAGIONE 2018-19
Intrecci di storie
 
EVENTO
C’ERA UN’ORCHESTRA AD AUSCHWITZ
quando:  24 gennaio, ore 9.30
alle ore: ore 9.30
dove: Teatro San Domenico
APPUNTI

Giovedì 24 gennaio

C’ERA UN’ORCHESTRA AD AUSCHWITZ

Alma Rosè

liberamente tratto da “Ad Auschwitz c’era una orchestra”  di Fania Fénelon

con Annabella Di Costanzo e Elena Lolli

consigliato istituti superiori

Era il Gennaio del 1944 quando Fania Fenélon fu deportata ad Auschwitz e poiché sapeva cantare e suonare il pianoforte, entrò a far parte dell’orchestra femminile del campo, l’unica che sia mai esistita in tutti i campi di concentramento nazisti, che aveva il compito di accompagnare le altre prigioniere al lavoro e suonare per gli ufficiali SS. Ad Auschwitz, Fania conobbe Alma Rosé, nipote di Gustav Mahler ed eccezionale violinista a cui era stata affidata la direzione dell'orchestra.  Il rapporto che si snoda tra le due donne, il loro dialogo, ci restituisce due visioni, due modi diversi di vivere la musica all’interno del lager. Per Fania suonare è solo un mezzo per sopravvivere, perché le orchestrali non partecipavano alle selezioni per la camera a gas, e sopravvivere significa poter testimoniare. Per Alma, invece, suonare è un fine, il fine supremo su cui ha costruito la sua vita, la sua identità. Suonare in maniera eccellente, a qualsiasi prezzo.

Non solo un ritratto della vita del campo, di una delle pagine più nere della nostra Storia, raccontata attraverso la vita privata di due donne, ma quello che Fania ci racconta è anche un'occasione di riflessione sul rapporto tra Arte e Vita, un tema che supera la dimensione storica e ci rimanda al nostro presente.

ALTRE INFORMAZIONI

Posto unico € 6,00